lunedì 13 gennaio 2014

Il primo «scandalo» del sindaco di New York «Mangia la pizza con la forchetta e coltello»

Bill de Blasio mangia la pizza con la forchetta. Ed è «scandalo» No, la pizza con forchetta e coltello proprio no. Soprattutto a New York, dove è buona abitudine usare esclusivamente le mani per divorare una fetta. Se poi è il primo cittadino (con origini italiane) a preferire le posate alle mani nude ecco servito il «Pizzagate».
«GAFFE CULINARIA» - I fatti sono questi: venerdì scorso, il nuovo sindaco della Grande Mela, Bill de Blasio, si è recato a pranzare da Goodfellas, una delle più note e venerate pizzerie di Staten Island. Lì, ad aspettarlo, c’erano anche i fotografi e alcuni curiosi. Tuttavia, una volta servito, il primo cittadino ha fatto l’«impensabile», scrive il New York Times: ha preso in mano coltello e forchetta. Disastro. Un «vero» newyorkese, infatti, divora una «slice» con le mani. 
Per qualche commentatore si tratta del primo passo falso del sindaco, in carica da una decina di giorni. Per altri, la luna di miele è già finita. Critiche esagerate? Forse. Eppure, come accade ogni volta coi casi mediatici, la foto-notizia è stata subito commentata e scambiata sui social network, migliaia di volte. «Credo che volesse solo essere educato», ha raccontato il proprietario della pizzeria Scot Costentino che, indubbiamente, si rallegra di tanta pubblicità. 
IN ITALIA SI FA COSÌ - Interpellato sulla vicenda, il sindaco ha dichiarato di essere «semplicemente fedele alle sue origini italiane». Nelle pizzerie del Belpaese, difatti, il coltello e la forchetta si usano eccome. Ciò nonostante, analizzando l’intera sequenza del pranzo del sindaco, si nota che ad un certo punto de Blasio spalanca la bocca e si caccia dentro un altro boccone tenendo la fetta in mano. Non è la prima volta che il neoeletto inciampa sul più famoso dei piatti italiani: nel corso della campagna elettorale era stato visto cenare in una pizzeria molto esclusiva. E subito lo avevano accusato di essere un elitario. Altri inquilini di Gracie Manson, da Bloomberg a Giuliani, la pizza l’hanno (quasi) sempre trangugiata con le mani, anche se solo a beneficio di stampa ed elettorato italoamericano. Oltre alle posate, ci sarebbero pure altri modi di mangiare una pizza a New York, come ci ha insegnato il cinema: Tony Manero, ne «La febbre del sabato sera», s’ingozza mentre cammina e, per risparmiare tempo, mette le fette una sopra l’altra.

Fonte: corriere.it