lunedì 27 gennaio 2014

Inail. Contribuiti a fondo perduto per il miglioramento dei livelli di salute e di sicurezza sui luoghi di lavoro

Anche quest’anno l’Inail bandisce fondi (per la Regione Campania sono 28 mln di euro) destinati all’imprese iscritte alla Camera di Commercio che intendono effettuare investimenti aziendali al fine di ridurre e/o eliminare le cause di infortunio e di morte dei lavoratori.
Gli interventi finanziabili dovranno avere ad oggetto progetti:
- di investimento (ristrutturazione o modifica strutturale e/o impiantistica degli ambienti di lavoro, installazione e/o sostituzione di macchine, dispositivi e/o attrezzature, modifiche del layout produttivo, Interventi relativi alla riduzione/eliminazione di fattori di rischio);
- per l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale (adozione di sistemi di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) di settore previsti da accordi INAIL-Parti Sociali, adozione ed eventuale certificazione di un SGSL, adozione di un modello organizzativo e gestionale ex D.Lgs 231/01, adozione di un sistema certificato SA 8000, modalità di rendicontazione sociale asseverata da parte terza indipendente spese non agevolabili);
- per la sostituzione o l’adeguamento di attrezzature di lavoro messe in servizio anteriormente al 21.09.96 con attrezzature rispondenti ai requisiti di cui al Titolo III del D.Lgs 81/2008 s.m.i. e di ogni altra disposizione di legge applicabile in materia.

Nonostante si tratti di un bando valido su tutto il territorio nazionale, è necessario che la singola impresa partecipi, per l’unità operativa oggetto di investimento, al solo bando della regione di competenza. La ratio di questa scelta è da ricercare nella tipologia di rischio che caratterizza non solo la singola impresa proponente il progetto, ma anche il territorio regionale di competenza. Quest’ultimo, infatti, presenterà dei fattori di rischi diversi in base alle realtà economico-produttive prevalenti, così come da dati statistici in possesso dell’Istituto Nazionale Infortuni sul Lavoro. E’ la coerenza della proposta progettuale rispetto a questi fattori di rischi, oltre ad altri elementi, a determinare il punteggio finale della domanda di contributo.

L’incentivo per gli interventi finalizzati al miglioramento dei livelli di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, consiste in un contributo in un conto capitale pari al 65% del progetto ammesso.
In ogni caso, il contributo massimo erogabile è pari ad € 130 mila. Il contributo minimo ammissibile, invece, è pari ad € 5 mila. Solo per le imprese che presentano progetti per l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale con un numero di dipendenti non superiore alle 50 unità non esiste un limite minimo di contributo.

Le domande possono essere presentate, con la solita procedura “a sportello”, a partire dal 10 aprile 2014. È fondamentale, però, che la ditta proponente entro l’8 aprile:
- si iscrivi sulla piattaforma informatica messa a disposizione dall’Inail;
- inserisca i dati e le informazioni relative al proprio progetto;
- verifichi che lo stesso raggiunga la soglia minima prevista di punteggio, pari a 120 punti.

Solo dopo aver effettuato tali passaggi ed aver verificato il superamento del punteggio minimo è possibile inoltrare la domanda.

Dott. Geppino Tolino
Assistente Centro Sviluppo ed Innovazione
--
GAL Taburno Consorzio
Largo Sant'Erasmo
82030 Torrecuso (BN)
tel./ fax 0824 872063
www.galtaburno.it