martedì 23 settembre 2014

Vinitaly 2014: Millevigne e Cantina di Soave raccontano la tradizione dei territori di Soave


Cantina di Soave in collaborazione con Millevigne ha presentato il Progetto : LE VECCHIE VIGNE, TRA STORIA E MEMORIA: I CUSTODI TRA VIDEOINTERVISTE E TESTIMONIANZE DIRETTE.
 

Si è svolta ieri, presso lo stand del Consorzio di Tutela dei vini Soave e Recioto di Soave la presentazione di un progetto editoriale che il periodico Millevigne realizzerà in collaborazione con Cantina di Soave, che prevede il racconto del territorio attraverso delle interviste a viticoltori radicati nel territorio e soci della Cantina di vecchia data.

Le interviste saranno strutturate sotto forma di racconti che descriveranno l’esperienza di chi ha vissuto in prima persona il cambiamento del lavoro in campagna e in vigneto.

I temi affrontati saranno la relazione con la vigna, l’esperienza delle vendemmie, il vivere la quotidianità della campagna in tutti i periodi dell’anno, il passaggio dall’utilizzo degli animali come la cavalla da tiro ed i buoi all’utilizzo della macchina.

Talvolta nell’opinione comune si è propensi a vivere la modernità con una sorta di malinconia e pessimismo baumanniano. Ciò che emerge  al contrario dalle conversazioni con i viticoltori, ed in tal caso con una viticoltrice è invece una visione molto positiva dell’avvento delle macchine nel lavoro di campagna, che a poco a poco hanno sostituito gli animali e soprattutto il lavoro umano. Forte il contrasto con la socialità estrema dei media digitali, dove gli autoscatti sono all’ordine del giorno, e la riservatezza dei viticoltori intervistati, che restii a farsi fotografare preferiscono raccontare.”

Questi ed altri gli spunti delle conversazioni con i viticoltori che costituiranno la base per tessere una trama di storie  in forma di racconto dei luoghi e della tradizione dei territori del Soave.

“Solo mantenendo il legame con la tradizione si realizza l’innovazione in modo intelligente” afferma Maurizio Gily Direttore del periodico Millevigne.

“Volevamo raccontare il territorio con la voce di chi lo vive da sempre – continua Bruno Trentini, Direttore Generale di Cantina di Soave – per questo, con il prezioso supporto dell'agronomo Giuseppe Rama, verranno intervistati direttamente alcuni viticoltori che potranno raccontare la loro storia.” 


Cantina di Soave – 2200 soci, attivi su 6000 ettari di vigneto di proprietà, 30 milioni di bottiglie prodotte all’anno per un fatturato che supera i 100 milioni di euro – esporta il 48% della produzione totale. Della quota esportata il 30% viene venduto in Germania, il 30% in Gran Bretagna, il 20% nei Paesi Scandinavi e il 20% in altri paesi. I principali mercati di riferimento sono ad oggi Germania, Gran Bretagna, Paesi Scandinavi, Svizzera, Giappone, Sudamerica, a cui si aggiungono gli Stati Uniti.Cantina di Soave produce il 43% della produzione totale del Soave Classico, il 48% della produzione di Soave DOC, il 49% della produzione di Valpolicella DOC, il 70% della produzione totale di Lessini Durello.
Ufficio Stampa: Magda Beverari
tel.+39 045 6191251
cell.+39 345 8930961
magda.beverari@cantinasoave.it