giovedì 27 novembre 2014

AMBASCIATORI del PROSECCO CINESI: CONCLUSA CON SUCCESSO LA PRIMA MASTERCLASS SUL PROSECCO DOC A SHANGHAI

Il Consorzio Prosecco DOC vola in Cina per la prima Masterclass sulle nostre bollicine: tre giorni di formazione a giovani sommelier, importatori e buyer che diventano i primi ambasciatori del Prosecco DOC in Oriente. Un’iniziativa che ha riscosso grande successo ed interesse, destinata a diventare un format da esportare per contribuire alla costruzione di una vera e propria cultura del vino.



Treviso, 27 Novembre 2014. La cerimonia di consegna dei diplomi ha concluso ieri la prima Masterclass che il Consorzio Prosecco DOC ha organizzato a Shanghai per esportare, assieme alle ben note bollicine, quella cultura e formazione sul vino che aiuterà i neo-diplomati a conoscere e promuovere il prodotto della nostra terra. Tre giorni intensi di corso che hanno coinvolto 36 addetti al settore tra importatori, docenti, sommelier e giornalisti guidati dal Presidente del Consorzio Stefano Zanette e dal Direttore Luca Giavi, coadiuvati da Adua Villa nelle vesti di apprezzatissima docente e supportati dalle Isacs Guide.



Obiettivo finale della Masterclass era quello di trasmettere agli operatori i segreti del Prosecco, inteso non solo come vino ma come espressione di un territorio e di una cultura vinicola particolari. Per questo le lezioni hanno dato ampio spazio non solo alla degustazione ma soprattutto all’approfondimento di tematiche quali l’area geografica di origine, le metodologie di coltivazione, raccolta e vinificazione, l’opera di tutela del Consorzio e le peculiarità più rilevanti su cui far leva nel processo di vendita. Da questo lavoro di approfondimento i partecipanti hanno tratto le nozioni necessarie a diventare dei veri e propri ambasciatori del prosecco, proponendosi a loro volta come formatori per la diffusione ulteriore di queste conoscenze ad altri operatori del settore in Cina.



L’iniziativa ha riscosso un grandissimo successo in termini di partecipazione alla Masterclass ma ha anche avuto un notevole riverbero mediatico, tanto che il Consorzio Prosecco DOC sta già ipotizzando di ripetere l’iniziativa ed estenderla ad altri appuntamenti in altre città della Cina, e non solo, come riferisce direttamente da Shanghai  lo stesso Presidente Stefano Zanette:

Abbiamo fortemente voluto questo corso di formazione in Cina e la grande partecipazione ci ripaga degli sforzi fatti. Abbiamo incontrato persone che apprezzano il nostro Prosecco ma anche curiose e desiderose di approfondire le tematiche che abbiamo proposto, entusiaste di proporsi come ambasciatori della nostra cultura del far vino. La Cina è in un momento di forte espansione, i dati dicono che il 1° semestre 2014 ha registrato un +64,9% nelle vendite di Prosecco, ma loro stessi sentono l’esigenza di saperne di più sui prodotti che importano, anche per essere in grado di trasmettere il proprio valore ai potenziali acquirenti.

Il progetto - prosegue Zanette - ha subito riscosso lusinghieri apprezzamenti anche da altre realtà formative cinesi tra le quali alcuni Enti di formazione governativi. Ieri abbiamo incontrato i docenti di una di queste scuole (conta oltre 3000 studenti) valutando di avviare una nuova forma di collaborazione. L’ipotesi è di formalizzare quest’iniziativa attivando un calendario di repliche che possano allargare il target e aumentare il numero di ambasciatori; inoltre ci stiamo muovendo per offrire ai più meritevoli la possibilità di essere nostri ospiti in Italia per vedere da vicino la realtà da cui trae origine il Prosecco. La Masterclass potrà quindi diventare un format da replicare in altre città cinesi, grazie al supporto degli ambasciatori, ma anche in altre nazioni verso le quali esportiamo.”



Grande soddisfazione per il progetto è espressa anche dal Direttore del Consorzio Prosecco DOC, Luca Giavi: "Considerato l'interesse espresso nei confronti delle proposte avanzate dal Consorzio, credo che l'esperienza di questi giorni abbia dimostrato tutte le potenzialità che il Prosecco ha in questo grande paese. Ora spetta a noi dare continuità a questo tipo di attività, che non hanno mancato di suscitare apprezzamenti anche per l'originalità e la professionalità espressa nei format proposti."





Albina Podda / Ufficio Stampa

M 3484510176

 CONSORZIO DI TUTELA DELLA DENOMINAZIONE

DI ORIGINE CONTROLLATA PROSECCO