domenica 29 marzo 2015

L’Unesco e le Langhe Galà per la Gente di Castiglione Tinella e Santo Stefano Belbo

Roma, sabato sera al Reale Circolo Canottieri Tevere Remo è stato festeggiato l’inserimento del Territorio delle Langhe, del Monferrato e del Roero tra i siti considerati “patrimoni dell’Umanità” dall’Unesco con una serata di gala organizzata dall’editore Pier Aldo Vola, socio emerito del Tevere Remo. Il presidente ing. Lupoi ha accolto gli illustri ospiti e soci negli splendidi saloni della sede sociale di Ripetta, a quattro passi da Piazza del Popolo. Dopo i saluti di rito, il presidente ing. Lupoi ha consegnato i diplomi a ricordo della serata. S.E. Card. Farina ci ha ricordato che le Langhe ricordano e celebrano anche il bicentenario della nascita di don Bosco ed ha invitato i presenti a partecipare alle manifestazioni dedicate all’evento. Ha, quindi, portato un poetico saluto il Sindaco di Castiglione Tinella dr. Bruno Penna, poeta e scrittore, il quale ha portato il saluto della sua terra e l’orgoglio di essere un punto di riferimento mondiale della cultura e dell’eccellenza. Ecco che la Brigata di Sala inizia a servire gli oltre cento selezionati commensali. I mormorii cessano e l’attenzione si focalizza sui colori, sapori ed aromi. La Brigata di Cucina, mirabilmente diretta dagli chef Fabio Balsamo e Settimio Scacco, ovviamente piemontesi, presenta il ricco e dedicato menù. Prima gli antipasti a buffet, quale entrée, dove hanno trionfato voulauvent con fonduta e lingua di vitello sanato in salsa verde e formaggi piemontesi; poi un regale A tavola!, con un flan di peperoni con bagna cauda a deliziare il palato dei commensali. Quindi: prima un risotto al dolcetto con pere e castelmagno, veramente ottimo, poi piccoli ravioli del Plin con burro e salvia, che consideriamo a dir poco eccellenti. Poteva mancare il bunet accompagnato da una torta di nocciole? Assolutamente no! E stata la degna conclusione di un menù per intenditori e palati fini. Veramente un lavoro eccellente degli chef e della loro brigata. I vini, ovviamente, delle Langhe: dal prosecco della Contessa di Castiglione, all’Arneis, Barbera e Nebbiolo, entrambi d’Asti, strutturati e perfettamente consoni alla prelibatezza dei cibi. Per finire un glorioso Moscati d’Asti a Tappo Rosa, con una Grappa, sempre di Moscato, che ha ben concluso il desinare. Dobbiamo ringraziare la Bottega del Vino di Castiglione Finella per aver offerto i meravigliosi vini. Il Reale Circolo Tevere Remo, punto di riferimento di Roma e del suo mondo culturale, sportivo ed imprenditoriale sin dal 1872, anno di fondazione, è stato sempre vicino alle Langhe, con il suo Amici delle Langhe e la piemontesità del socio Pier Aldo Vola. Veramente una splendida serata ed un grazie al consigliere/direttore Luciano Trotta, responsabile della sede Ripetta, che ha curato mirabilmente l’organizzazione, unitamente al gestore sig. Bledi Janko, che quotidianamente si prende cura delle gole dei soci.