mercoledì 25 marzo 2015

VINO: BIANCHI (MIPAAF), SU OCM PROMOZIONE CI VOGLIONO NOVITA’, MULTIREGIONALE NON HA FUNZIONATO DE CASTRO: SU SCAMBI AGROALIMENTARE CON USA SALDO ATTIVO UE DI 6MLD. MAGGIO MESE CALDO

(Vinitaly, 23 marzo 2015). “I soldi per promuovere la promozione del nostro export agroalimentare ci sono, ora si tratta di utilizzare bene gli strumenti. Sull’Ocm Vino Promozione, che discuteremo domani con le Regioni, il sistema è soddisfacente ma ci vogliono novità, a partire dai fondi multiregionali. A nostro avviso la ripartizione adottata lo scorso anno non ha funzionato: sui progetti multiregionali sono stati spesi solo 4mln di euro sui 10mln a disposizione”. Lo ha detto oggi a Vinitaly il capo dipartimento delle Politiche competitive del Mipaaf, Luca Bianchi, al convegno ‘Obiettivo export a 50 miliardi di Euro: quali strade per la promozione?’, organizzato da Business Strategies in collaborazione con il ministero delle Politiche Agricole. “La nostra idea – ha aggiunto Bianchi – è che i multiregionali possano essere adottati dalle Regioni con risorse proprie, in questo caso noi potremmo riservare un chip ai fondi in favore dei progetti nazionali. Il nuovo possibile impianto si basa quindi sull’omogeneità del sistema di valutazione e codifica tra le Regioni , sull’incentivazione dell’aggregazione tra imprese, l’aumento della soglia minima di realizzazione dei progetti e, appunto, sul lasciare l’iniziativa dei multiregionali alle regioni.

Per il coordinatore S&D della Commissione Agricoltura del Parlamento Europeo, Paolo De Castro, intervenuto al convegno Business Strategies sugli accordi di libero scambio con gli Usa (Ttip): “La bilancia commerciale Usa-Ue ha un saldo attivo in favore di quest’ultima di 6mld di euro: negli ultimi 10 anni l’export Ue è cresciuto del 37% ed è arrivato a toccare quota 15-16mld di euro; le importazioni dagli Usa sono invece stabili. Maggio – ha aggiunto De Castro – sarà un mese caldo: voto del Parlamento Ue su Ttip - dopo il parere della commissione Agricoltura del 14 aprile - e voto al Congresso su Fast Track, che non riguarda solo gli accordi col Pacifico ma tutti, anche il nostro. Stiamo lavorando per trovare un mutuo riconoscimento che risolva le questioni sanitarie e altro, perché gli accordi commerciali non possono cambiare i regolamenti”.
Ufficio stampa Business Strategies: interCOM
Simone Velasco (simovela@gmail.com; 339.5818511)

Elena Vinci (office@bsnstrategies.com)​